Il lavoro prima di tutto- Manifestazione della CGIL a Roma- Sciopero il 14 novembre

La manifestazione della CGIL a Piazza San Giovanni a Roma “Il lavoro prim di tutto”

“Le politiche di austerità sono fallite. Per fare un disastro così non c’era bisogno di mettere i professori al governo”. E’ l’attacco della leader Cgil Susanna Camusso al termine della manifestazione ‘Il lavoro prima di tutto’ che si è svolta oggi a piazza San Giovanni a Roma come riferisce Adnkronos.

“Nella legge di stabilità le modifiche devono essere molto profonde – afferma Camusso – qualche modifica non toglie l’iniquità”. “Invece di inventarsi cose complicate, il governo detassi le tredecisime”, chiede.

E ancora, suggerisce la leader sindacale rivolta all’esecutivo: “Utilizzate quegli 1,6 miliardi destinati alla produttività per defiscalizzare le assunzioni a tempo indeterminato”.

Sulla produttività bisogna fare in fretta perché, ricorda Camusso “di rinvio in rinvio si avvicina la chiusura di molte aziende. Il 3 novembre non possono spegnersi i forni di Alcoa. Il ministero dello sviluppo economico prima di dare il voto a noi facciano i loro compiti”.

La Cgil tornerà ancora in piazza il 14 novembre per la mobilitazione dei sindacati europei, annuncia il segretario. Quella potrebbe essere la data per uno sciopero generale ma, chiarisce Camusso “decideremo con Cisl e Uil le modalità di partecipazione”. Il 14 comunque “ci sarà una mobilitazione in molti Paesi europei, anche in Grecia e Spagna. Noi – continua la leader – ci batteremo per il lavoro e contro la politica del rigore”.

L’iniziativa di oggi è stata promossa dal sindacato per chiedere al governo di cambiare la sua agenda per “evitare il disastro”, dando priorità alle scelte strategiche di politica industriale, alle misure di sostegno per i lavoratori e agli interventi per arginare la crisi che investe i lavoratori e per salvaguardare i precari.

Nessun corteo, ma una piazza trasformata in un ‘agorà del lavoro’ considerato l’unica chiave per uscire dalla crisi. Per tutta la giornata si alterneranno sul palco rappresentanti delle tante imprese che in tutta Italia stanno affrontando la crisi. All’appuntamento non sono mancati anche molti artisti tra cui Tosca ed Eugenio Finardi.

Ma sulla manifestazione tra i sindacati è polemica. “Non ho visto nessuno, non me ne sono accorto…”, ha detto ironicamente il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni a margine di un convegno organizzato da ItaliaCamp. Una battuta alla quale ha replicato il leader della Fiom Maurizio Landini che arrivando a piazza San Giovanni ha commentato: “Bonanni dice che non si è accorto della manifestazione? E chi è Bonanni? Chi si è accorto che c’è Bonanni in questo Paese?”. “Al di là delle battute -continua Landini- il fatto è che le persone che i sindacati rappresentano non ce la fanno più. Un sindacalista -conclude Landini- si dovrebbe preoccupare di questa situazione e pensare a quali azioni mettere in campo”.

A favore della piazza anche il segretario Pd Pier Luigi Bersani per il quale “la Cgil ha buone ragioni di essere in piazza”. “Io, quando sento obiezioni rispetto al fatto che si vada in piazza, non sono d’accordo -continua Bersani- perché penso che anche il disagio, la sofferenza devono essere raffigurati ed avere momenti di interpretazione. Se si lasciano nel silenzio e nell’isolamento è peggio ancora”.

La manifestazione viene poi seguita “con grande attenzione” dal ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera. “E’ giusto -ha risposto a margine del Forum di Coldiretti, parlando con i giornalisti- siamo seriamente in un momento di grande difficoltà. Questo è l’anno peggiore in cui si sono accumulate, come previsto, tante difficoltà e, quindi, manifestazioni anche come queste non sorprendono e devono essere considerate con grande attenzione”

“Rispetto tutte le opinioni: i lavoratori e i sindacati sanno che se vogliono parlare con me non mi sono mai tirata indietro”, ha detto dal canto suo il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, a margine dei lavori di ‘InNova Camp’ a chi le chiede un giudizio sulla manifestazione. “Il lavoro è la mia prima preoccupazione”, sottolinea il ministro arrivando all’Università Lateranense dove ha luogo l’iniziativa. E sulle riforme della previdenza e del mercato del lavoro dice: puntano al “ristabilimento di un patto generazionale”, ma, affinché funzionino, hanno bisogno che “la societa’ civile le faccia proprie, hanno bisogno di quello che gli anglosassoni chiamano ‘endorsement'”, ovvero il sostegno e l’adesione. Per cui, chiarito questo, “le norme possono essere corrette, mostrare pragmatismo non significa cambiare opinione”. Rivolgendosi ai giovani riuniti nell’aula magna dell’Università Lateranense Fornero ha ribadito il mercato del lavoro “deve includere anche chi è escluso, come i giovani e le donne, e deve essere dinamico. Per questo noi -ha spiegato- abbiamo cercato di trovare un equilibrio tra una maggiore stabilizzazione all’entrata con minori rigidità all’uscita” del mercato del lavoro, mentre proprio all’uscita “si erano concentrate le protezioni”. Ristabilendo, dunque a giudizio del ministro “anche in questo caso un patto generazionale che significa dare più opportunità ai giovani”.

Alla manifestazione aderisce anche L’Italia dei Valori perché “è in atto un assalto frontale al mondo del lavoro portato avanti prima dai governi Berlusconi-Lega e poi dall’attuale esecutivo tecnico”. “Non c’è tempo da perdere – scrive sulla sua pagina Facebook Antonio Di Pietro – il lavoro deve essere la priorità del centrosinistra alternativo alle politiche personalistiche di Berlusconi e neoliberiste di Monti”.

Annunci


Categorie:Senza categoria

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

SCIENZA E CULTURA - SCIENCE AND CULTURE

Lo stato dell'arte tra storia e ricerche contemporanee - State of the art: history and contemporary research

ORIENTALIA

Studi orientali - Études Orientales - Oriental Studies

STORIA E SOCIETA' - HISTORY AND SOCIETY

POLITICA/POLITICS - SOCIETA'/SOCIETY- ECONOMIA/ECONOMY - CULTURA/CULTURE

NEODRAMMATURGIA

TEATRO E RICERCA - THEATRE AND RESEARCH

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Modern Music Live BaND

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

Sonus- Materiali per la musica moderna e contemporanea

Aggiornamenti della Rivista "Sonus"- Updating Sonus Journal

The WordPress.com Blog

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA - SCRITTURE / WRITINGS

Teatro Arte Musica Poesia - Theatre Art Music Poetry

In Poesia - Filosofia delle poetiche e dei linguaggi

Blog Journal and Archive diretto da Antonio De Lisa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: